La rinnovata strategia nucleare della Russia rimarrà difensiva

Di Vladimir Kozin

© Vladimir Kozin, corrispondente e membro dell’Accademia russa di Scienze militari e dell’Accademia russa di Scienze naturali.
Kozin ha partecipato alla Conferenza di CNGNN Italia e Global Research a
Firenze il7 aprile 2019 e a quella on line il 25 aprile 2020.

Il 2 giugno 2020, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il decreto n. 355 sui fondamenti della politica statale della Federazione russa nell’area della deterrenza nucleare. Il documento adottato, ha lo status di una guida strategica militare di importanza nazionale, definisce i pericoli e le minacce militari per neutralizzare la deterrenza nucleare, i suoi principi chiave e le condizioni per l’uso delle armi nucleari.

Il documento ha sostituito un atto normativo di contenuto simile adottato dieci anni fa, che è stato in vigore fino all’anno in corso, ma ha principalmente mantenuto il contenuto principale della dottrina nucleare russa.

È ancora di natura difensiva e può essere descritto in forma lapidaria come basato sul principio della “deterrenza nucleare difensiva condizionale“. Ciò significa che le armi nucleari russe possono essere utilizzate solo in uno atto di rappresaglia contro un potenziale avversario se utilizza armi nucleari e altri tipi di armi di distruzione di massa (armi di distruzione di massa) contro la Russia e / o i suoi alleati, nonché in caso di aggressione con le armi convenzionali, “quando viene minacciata l’esistenza stessa dello Stato“.

I nuovi principi hanno quindi mantenuto la formula di due collegamenti all’uso delle armi nucleari, che era stato proposto in un documento analogo approvato dall’allora presidente Dmitry Medvedev nel 2010, nonché nella sezione “nucleare“, dell’attuale dottrina militare del paese, approvata nel dicembre 2014 dal presidente Vladimir Putin. Come si può vedere, la Federazione Russa si è riservata il diritto di usare le armi nucleari solo come ultima risorsa e forzatamente e solo in risposta ad alcune azioni ostili di un potenziale avversario.

Contrariamente alla strategia nucleare russa aggiornata, la strategia nucleare statunitense nota come NPR, approvata nel febbraio 2018, prevede l’uso di armi nucleari in 14 casi, otto dei quali sono deliberatamente formulati in modo vago al fine di ampliare la gamma di motivi per l’uso di missili nucleari nei primi attacchi preventivi e anticipati. Ciò consente di qualificare l’attuale strategia nucleare degli Stati Uniti fondamentalmente come principio della “deterrenza nucleare offensiva incondizionata“. Con questo indicatore, il presidente Donald Trump potrebbe chiedere di essere inserito nel Guinness dei primati.

I nuovi principi russi non contengono disposizioni su “escalation alla de-escalation” o sull’uso di testate nucleari a basso rendimento. La nuova direttiva non specifica la possibilità di collocare armi nucleari sul territorio di Stati non nucleari, mentre tali disposizioni sono contenute nell’attuale strategia nucleare statunitense.

La disposizione della “sezione nucleare” della dottrina militare 2014 nella Federazione Russa, secondo la quale la decisione di usare armi nucleari viene presa dal Presidente della Federazione Russa è stata ribadita nell’atto aggiornato, ma con una precisazione: se ci sono condizioni per determinare la possibilità del loro utilizzo. Il Presidente della Russia può, se necessario, informare la leadership militare e politica di altri Stati e organizzazioni internazionali sulla disponibilità da parte russa ad usare armi nucleari o sulla decisione presa del loro uso, nonché sul fatto del loro effettivo uso.

I principi del 2020 stabiliscono quattro condizioni per l’uso di armi nucleari: in caso di informazioni affidabili sul lancio di missili balistici che attaccano i territori della Russia e dei suoi alleati; l’uso dell’avversario di armi nucleari o altri tipi di armi di distruzione di massa nei territori della Russia e dei suoi alleati; l’influenza dell’avversario sulle strutture militari o statali critiche della Russia, la cui distruzione interromperebbe la risposta delle sue forze nucleari; e l’uso di armi convenzionali di distruzione di massa.

Il documento richiama l’attenzione sul fatto che la deterrenza dovrebbe essere garantita e ininterrotta in termini di durata del suo uso in tempo di pace e in tempo di guerra, e dovrebbe prevedere l’inevitabilità di ritorsioni e danni inaccettabili a un potenziale avversario in qualsiasi circostanza mediante una forza nucleare deterrente costituita da forze nucleari terrestri, marittime e aeree.

La deterrenza è condotta da parte russa non solo in relazione ad alcuni potenziali avversari della Russia, ma anche in relazione a coalizioni militari (blocchi e alleanze) che possiedono armi nucleari e / o altri tipi di armi di distruzione di massa o che hanno un significativo potenziale di combattimento con forze di uso generale e considerandolo un potenziale avversario.

Sei tipi di minacce militari alla Federazione Russa, che potrebbero richiedere l’uso di armi nucleari, sono stati identificati nel documento aggiornato: l’ammasso da parte di potenziali avversari in territori adiacenti alla Russia e in aree marittime da gruppi di forze di uso generale che includono veicoli per la consegna di armi nucleari; il dispiegamento di missili balistici e da crociera a corto e medio raggio, sistemi e strutture di difesa missilistica, armi non nucleari e ipersoniche di alta precisione, UAV e armi ad energia diretta; lo sviluppo e dispiegamento nello spazio della difesa missilistica e dei sistemi di attacco; il possesso da parte di altri Stati di armi nucleari e / o altri tipi di armi di distruzione di massa e i loro mezzi di trasporto che potrebbero essere utilizzati contro la Russia e / o i suoi alleati; proliferazione incontrollata di armi nucleari, loro mezzi di lancio, tecnologie e attrezzature per la loro fabbricazione; dispiegamento nei territori di Stati non nucleari di armi nucleari e loro mezzi di trasporto.

I sopra menzionati pericoli militari riflettono l’ulteriore sviluppo di vari tipi di armi da parte di Stati stranieri e il dispiegamento delle loro armi in aree direttamente davanti alla Federazione Russa. A questo proposito, viene giustamente richiamata l’attenzione sull’adattabilità della deterrenza alle minacce militari derivanti dall’esterno.

È di fondamentale importanza che il documento firmato il 2 giugno non contenga disposizioni che consoliderebbero il desiderio della Russia di raggiungere la superiorità nucleare.

Al contrario, include una formulazione sulla necessità di ridurre la minaccia nucleare e prevenire l’aggravamento delle relazioni interstatali che potrebbero provocare conflitti militari, anche con l’uso di armi nucleari. Il rispetto degli obblighi internazionali in materia di controllo degli armamenti è stato affermato, a differenza degli Stati Uniti che hanno dichiarato solo verbalmente il proprio impegno nei loro confronti e, di fatto, hanno apertamente dimostrato un atteggiamento negativo nei confronti di 13 accordi internazionali in questo settore, di cui sette relativi al nucleare Armi.

Non esiste un periodo di validità massima per la posizione nucleare aggiornata di Mosca. Pertanto, la Russia rimane limitata nel suo potenziale uso di armi nucleari a tempo indeterminato.